The Golden Age of Rally, al MAUTO

The Golden Age of Rally è l’esposizione dedicata appunto all’epoca d’oro del rally. In scena al MAUTO di Torino dal 27 ottobre sino al 2 maggio del 2023. Un viaggio itinerante attraverso le vetture dei campioni di questo ardito sport motoristico, dove per la prima volta sono esposte le vetture della Fondazione Gino Macaluso.

The Golden Age of Rally è l'esposizione dedicata all'epoca d'oro del rally. In scena al MAUTO di Torino dal 27 ottobre al 5 febbraio 2023

The Golden Age of Rally

Ruggiti di motori, rumori di un’epoca. Precisamente quella che va dagli anni ’60 ai ’90. Sono questi gli anni della massima popolarità del “rally“, automobilismo sportivo ma non d’élite, nato con la motorizzazione di massa. Al MAUTO dunque, vi è la possibilità di compiere un viaggio nel tempo e ritornare a quella famigerata epoca d’oro per il rally. Lo si fa attraverso l’esposizione di una delle collezioni di vetture più importanti al mondo. Quella proveniente dalla “Fondazione Gino Macaluso per L’auto Storica. I modelli sono conservati nel loro stato originale e sono proprio quelli guidati dai grandi campioni del momento. Tra questi Miki Biasion due volte campione del mondo rally nel 1988 e 1989. 
Pilota mito degli anni ’80, Miki guida e ci guida tra i ricordi al Museo Nazionale dell’Automobile con gli occhi che gli brillano. Tra un aneddoto e una spiegazione ci fa capire cosa voleva dire e cosa rappresentasse il rally in quegli anni. E ciò spiega altresì il grande seguito di pubblico che tale sport aveva.
 

The Golden Age of Rally è l'esposizione dedicata all'epoca d'oro del rally. In scena al MAUTO di Torino dal 27 ottobre al 2 maggio 2023

Audi allestita da rally esposta al The Golden Age of Rally al Mauto

 
Troviamo cinghie a sostegno di fari e cofano, perché si tratta di vetture di serie che non erano pensate e “abituate” all’enorme stress di una corsa rally“. Tra una Lancia Stratos e una “Delta”, a bordo della quale Miki ha vinto di tutto, ancora un aneddoto, sul rally del Sahara, piuttosto divertente. “In quasi 5000 Km da percorrere in 5 giorni poteva capitare di tutto. Ricordo di un anno in cui forai uno pneumatico e non potevo scendere dalla macchina per cambiarlo. Fuori era pieno di leoni che giravano tutto intorno“.

Così il “rally” diventa sinonimo di avventure esotiche ma anche impresa ardita profondamente radicata nei costruttori e design piemontesi. Come ribadisce Benedetto Camerana presidente del Mauto, “mentre la F1 è legata ed identificata con il mondo emiliano e quello delle supercar, Torino è l’incarnazione del rally e vi rappresenta tutta l’Italia, uno dei paesi più vincenti in tale sport“.   

Gino Macaluso e la Fondazione

La Fondazione Gino Macaluso per l’Auto Storica nasce a Torino nell’ottobre 2018 in memoria di Gino Macaluso. La Fondazione ha come scopo quello di valorizzare l’Automobile come oggetto di culto. Questa coniugando innovazione tecnologica e cultura umanistica, tradizione artigianale e bellezza del design d’avanguardia, ha influenzato costumi e società del secolo scorso. 
Vediamo adesso di capire chi era Luigi Macaluso, per tutti affettuosamente Gino. Nasce a Torino il 9 giugno del 1948 e, alla fine degli anni ’60, poco più che ventenne, entra nel mondo delle competizioni automobilistiche.
 

The Golden Age of Rally è l'esposizione dedicata all'epoca d'oro del rally. In scena al MAUTO di Torino dal 27 ottobre al 2 maggio 2023

Il casco usato da Gino Macaluso nelle competizioni

 
La sua carriera professionale, breve ma gloriosa, in qualità di co-pilota, si svolge al fianco della squadra ufficiale Fiat-Abarth. Nel 1972 vince il Campionato Europeo Rally e la Mitropa Cup in coppia con Raffaele Pinto su Fiat 124 Spider e nel 1974 il Campionato Italiano Rally insieme a Maurizio Verini su Fiat 124 Abarth.
Sempre nel ’74, Gino si laurea in Architettura al Politecnico di Torino con una tesi che, trattando dei sistemi di sicurezza sulle automobili da corsa e la loro possibile applicazione nel design di quelle prodotte in serie, riesce a unire la passione per il motorsport ai suoi studi. L’anno seguente, entra nel mondo dell’orologeria e lavora così per un distributore italiano di grandi marchi svizzeri. Nonostante l’impegno e le soddisfazioni nell’orologeria, Gino non abbandona il primo amore, quello per il mondo dell’automobile e delle competizioni. Nel 1987 entra a far parte del Club Italia, un’associazione che riunisce appassionati dell’auto made in Italy. All’inizio degli anni ’90 ne diventa addirittura il Presidente. Il suo interesse per lo sport motoristico del passato va di pari passo con quello presente. Tra i suoi numerosi impegni, ricordiamo quello che nel 2000 lo porta a fondare una squadra con lo scopo di competere nel Junior World Championship (Junior WRC) con i colori italiani. Così nasce a Torino la R&D Motorsport. Tale team, con Andrea Dallavilla alla guida di una Fiat Punto Rally Super 1600, arriva ad aggiudicarsi il titolo di vicecampione nel mondo nella stagione 2001 del JWRC. 
Per Gino l’automobile è “la più intensa delle espressioni della creatività del ventesimo secolo”. La Fondazione per l’Auto Storica a lui dedicata promuove e divulga nel mondo, tali straordinarie e gloriose espressioni dell’auto d’epoca e delle competizioni sportive. Si dà così concretezza e continuità a quello che era il sogno e la passione di Gino. 

La collezione per The Golden Age of  Rally al MAUTO

 

The Golden Age of Rally è l'esposizione dedicata all'epoca d'oro del rally. In scena al MAUTO di Torino dal 27 ottobre al 2 maggio 2023

alcune auto in allestimento Rally esposte

 
Le vetture che compongono la collezione, sono vetture mito che, come già scritto, tra gli anni ’60 e ’90 hanno vinto le gare più importanti. Il Rally di Montecarlo, Rally Safari, il Rally Mille Laghi (Finlandia) fino al Rally di Sanremo. Per ricordarne solo alcuni. Sono entrate direttamente nella storia per le sfide leggendarie tra i piloti, per l’innovazione portata dai modelli in gara e per l’enorme successo riscosso tra il pubblico. Si tratta dunque, di un vero e proprio viaggio nell’epopea della meccanica e nella storia di questo sport. 
Un percorso cognitivo ed esperienziale attraverso speciali video mapping, scenari espositivi e piattaforme sceniche. Tutte realizzate ad hoc per simulare i manti stradali sui quali hanno gareggiato piloti e vetture, dalla sabbia del Sahara, alla neve del Col de Turini.

The Golden Age of Rally è l'esposizione dedicata all'epoca d'oro del rally. In scena al MAUTO di Torino dal 27 ottobre al 2 maggio 2023

Lancia Rally o37 con i colori del team martini