Le innovazioni di René Lacoste nel tennis e nel suo look sono numerose. Molti campioni del tennis, da anni ormai, sono accomunati da un accessorio che unisce eleganza e comodità: la polo. Oggi sembrerebbe impossibile rinunciarvi, eppure se si dà uno sguardo alle foto dei primi del 900 ci si accorge che l’abbigliamento era ben differente. I tennisti scendevano in campo in pantaloni lunghi e camicia di colore bianco.
Il cambiamento si ha con l’arrivo del grande campione René Lacoste, famoso imprenditore che amava definirsi un inventore. Si deve proprio a lui l’introduzione della polo nell’abbigliamento del tennis. Si concesse così maggiore liberà di movimento ai tennisti dei primi anni trenta. Su queste magliette venne successivamente cucito l’iconico Coccodrillo. Soprannome che lo stesso Lacoste si era guadagnato per la borsa di pelle in cui riponeva le sue racchette. Sanciva così l’eleganza e lo stile, “senza tempo” alla francese nel mondo intero.
Nel campo femminile le innovatrici furono Suzanne Lenglen che introdusse i reggicalze e accorciò la “mise” da gioco. L’italiana Lea Pericoli, che negli anni cinquanta scese in campo con le gambe scoperte, lasciando a vista persino la biancheria intima.
Nel corso degli anni, poi l’abbigliamento tennistico ha visto susseguirsi svariati look. Si parte dagli anni settanta quando la Federazione consentì ai giocatori di indossare divise colorate. Da ricordare in quel periodo le polo rosse di Adriano Panatta e più avanti i completi fluo di Andre Agassi.  La ricerca di uno stile particolare nelle fasce per capelli indossate dall’americano John McEnroe e dallo svedese Bjorn Borg. Intanto altri accessori si affacciano nel mondo tennistico. Dopo gli occhiali da vista è il momento anche per quelli da sole. Nei primissimi anni ’80 Lacoste lancia il suo primo modello.
Tuttavia il marchio del Coccodrillo fondato da Lacoste, non deve essere ricordato solo per le innovazioni nel look tennistico. Si devono all’imprenditore francese anche l’invenzione della macchina spara palline, e l’introduzione del tessuto traspirante. Una su tutte,  un modello innovativo di racchetta in acciaio a sostituzione di quella di legno che venne subito apprezzata da campioni come Jimmy Connors.
Oggi il nuovo “Coccodrillo” testimonial per eccellenza di Lacoste è il serbo Novak Djokovic. René Lacoste e Novak Djokovic due leggende che condividono gli stessi valori di fair play, tenacità ed eleganza sul campo da gioco e fuori.
Il brand ha presentato i nuovi René Magestic Sunglasses, indossati dal campione nella nuova campagna pubblicitaria. Si ispirano al modello “101” realizzato da Lacoste nel 1980 e presentano innovazioni tecniche contemporanee: lenti disponibili in tre varianti cromatiche per adattarsi ad ogni tipo di superficie, aste estensibili rivestite in gomma colorata e calamite che consento una grande libertà di movimento. Bisogna ammetterlo, Lacoste è stato davvero un grande inventore e la sua grandezza resiste nel tempo.

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA