L’Italjet Dragster è lo scooter che raccoglie l’eredità del suo omonimo anni ’90, indimenticabile per il suo design e il telaio dal fascino unico. Oggi il marchio lo ripropone in due versioni 125 e 200 ancora più uniche. 

L'Italjet Dragster è lo scooter che raccoglie l'eredità del suo omonimo anni '90, indimenticabile per il suo design dal fascino unico.

 

Le due ruote in generale e soprattutto gli scooter, continuano ad essere al centro dei desideri di mobilità di molti. A spingere in tale senso, non sono solo le necessità di mobilità personale, legate alla pandemia, ma anche le numerose novità, ancora capaci di suscitare emozioni e batticuore. Una di queste è proprio il Dragster della Italjet, successore in tutto dello storico modello che aveva già scritto la storia negli anni ’90.

Telaio a traliccio per il Dragster 

Il nuovo Dragster di Italjet si presenta iper sportivo mantenendo quelle che erano le linee guida del suo predecessore. A prima vista sembra un modello costruito ispirandosi un po’ al Meccano, invece il design, pensate, deriva interamente dalla Superbike. Guardandolo attentamente, si nota quella che è la sua caratteristica peculiare. Il telaio a traliccio in tubi di acciaio integrato da piastre di alluminio pressofuso. Ne deriva così uno scooter fuori dagli schemi con stile ed innovazione che gli attribuiscono un carattere unico. 
La carrozzeria è quasi inesistente e quella presente è essenziale. Più che altro ha la funzione di richiamare l’attenzione, insieme ai colori delle livree disponibili in rosso, giallo e nero. I motori sono dei monocilindrici a 4 tempi raffreddati a liquido. Due le versioni, un 125 cm³ e un 200 cm³.
Senza cadere in inutili crociate contro il motore termico, è previsto persino un modello di Dragster elettrico, che eroga una potenza di picco pari a 12 Kw e 6 Kw di nominale. 

L'Italjet Dragster è lo scooter che raccoglie l'eredità del suo omonimo anni '90, indimenticabile per il suo design dal fascino unico.