Nel 1899 il Grande bisnonno Hyman Moscot arriva a New York dall’Europa dell’est. Negli anni la sua abilità nel fabbricare occhiali evolve e si afferma, consolidandosi fino ai nostri giorni. Una storia lunga 106 anni e una tradizione che si tramanda da 5 generazioni. Ecco i valori su cui si fonda l’eccellenza degli occhiali MOSCOT. A parlarne è Harvey Moscot.

 

Harvey e Zack Moscot

Harvey e Zack Moscot


Moscot da New York al mondo intero come è successo?

Ci sono voluti 106 anni per aprire 16 negozi monomarca MOSCOT in tutto il mondo. Certamente non è accaduto da un giorno all’altro. Crediamo che “lento e costante” è l’approccio migliore! Per 5 generazioni, la nostra famiglia si è dedicata a fornire esperienze composte da occhiali artigianali di qualità a clienti memorabili. Abbiamo accuratamente selezionato le sedi per i nostri negozi MOSCOT come i partner all’ingrosso di qualità che contribuiscono a diffondere e raccontare la nostra storia autentica.

Come si gestisce un’impresa familiare in un mondo di multinazionali?
In fondo, siamo un negozio di ottica di quartiere e abbiamo profondamente a cuore la cura della nostra comunità. La nostra caratteristica è quella di mettere sempre il cliente al primo posto affinché sia sempre soddisfatto. Mio figlio, Zack, ed io siamo personalmente coinvolti in tutti gli aspetti dell’azienda. Ciò ci permette di capire le esigenze in continua evoluzione dei nostri cliente. E, cosa più importante, custodiamo utilizzando i valori e le virtù tramandati delle precedenti generazioni di Moscot.

Hyman Moscot e negozio Moscot

Hyman Moscot e negozio Moscot 1918

È difficile essere un produttore di occhiali oggi?
L’ eyewear è un prodotto molto complesso che richiede precisione e competenza poiché si posiziona nell’intersezione unica tra moda e sanità. Ci vogliono 130 steps per realizzare a mano una montatura MOSCOT.  Il nostro know-how generazionale, le lezioni e gli insegnamenti che sono stati tramandati nel corso degli anni nella nostra famiglia fanno una grande differenza. Inoltre, Zack Moscot,  designer industriale esperto, ha enfatizzato l’importanza della qualità del prodotto e applica questo principio ad ogni pezzo realizzato.

Quali sono i mercati/paesi più esigenti?
L’esperienza maturata in 106 anni di attività, ci ha convinti che ogni persona ha bisogno di un perfetto paio di occhiali, indipendentemente dal paese in cui vive.

Quale modello le ha dato più soddisfazione nel pensarlo e progettarlo?
Recentemente, ho progettato una nuova montatura nella nostra collezione primavera 2021 chiamata YONTIF. Sono molto contento di vedere come questo nuovo design sia diventato popolare tra i nostri fedeli fan. In particolare, mi sono divertito a realizzare alcuni dei dettagli più fini di questa montatura. Tra cui rivetti a forma di diamante fine e smussatura sulla parte anteriore del telaio.

Cosa ne pensa del Made in Italy?
Sono particolarmente affezionato alla tradizione artigianale italiana. Questo perché come MOSCOT, in Italia, c’è un focus sulla famiglia e la dedizione all’artigianato. C’è attenzione per i dettagli e un apprezzamento per la qualità e la comprensione che ciò potrebbe richiedere generazioni per perfezionarla.

Quali sono i paesi più creativi?
In genere, ho scoperto che ci sono paesi con città che danno una grande enfasi alla cultura, all’arte, al cinema, alla libertà di espressione e di parola. Per esempio,  Roma!

Come sceglie i suoi testimonial? Quali sono i testimonial italiani? Ci raccontate qualche aneddoto tra lei e i testimonial?
Molte persone, provenienti da ambienti professionali diversi, hanno attraversato le porte di MOSCOT nel corso degli anni, uniti dal comune denominatore  che il nostro cliente è indipendente, libero e creativo. Siamo umilmente grati per il sostegno da parte dell’industria cinematografica e televisiva che hanno dato luogo a rapporti genuini e basati sulla fiducia.

In ogni famiglia c’è una figura mitica: qual è nella sua?
Hyman Moscot, il nostro Grande bisnonno, rimane la nostra figura mitica più importante. Il suo ambizioso e pericoloso viaggio in America attraverso Ellis Island-NYC, è la quintessenza della storia degli immigrati. Arrivò in America cercando l’opportunità di continuare a sviluppare le sue abilità ottiche. Si stabilì a Orchard Street nel Lower East Side, vendendo occhiali dal suo carretto. È qui che la nostra storia è iniziata e continua oggi.

Harvey e Zack Moscot

Harvey e Zack Moscot

Qual è il suo capo di abbigliamento preferito?
In questo momento mi sto davvero godendo la mia giacca outdoor bomber che indosso tutte le stagioni. Mi piace tanto per le grandi tasche dove posso custodire i miei occhiali e le clip-on senza problemi.

Il suo rapporto con i motori: preferisce 2 ruote o 4 ruote?
In realtà ho una passione per le auto. Solitamente preferisco guidare una moto ma vivendo a New York spesso non ho altra scelta che guidare un auto!

Data la vostra attività, c’è un’altra area che vuol provare?
Abbiamo scoperto che facciamo bene quello che facciamo perché non ci discostiamo dalla nostra esperienza e il nostro mestiere. Intendiamo continuare a focalizzarci sulla nostra passione per l’ottica e continuare a far crescere l’eredità di MOSCOT.

RSS
Follow by Email