#noicisiamo FCA omaggia il Belpaese in emergenza sanitaria

Questo post è stato scritto da Lorenzo Sabatini

Queste strade così vuote dovrebbero metterci tristezza”: questo l’incipit della voce dell’attore Riccardo Scamarcio nel video voluto dal gruppo automobilistico FCA (Fiat Chrysler Automobiles) pensato per celebrare la nostra nazione durante questa terribile pandemia. Si tratta di un video di breve durata, ma che arriva dritto al cuore.

il video del gruppo automobilisto FCA

 

In esso è celebrata la bellezza più vera del Bel Paese, quell’unico mix di storia millenaria, ma anche solidarietà e tanto orgoglio per le nostre radici. E’ proprio la forte identità nazionale ad essersi prepotentemente riaffacciata nell’animo dei cittadini italiani all’epoca del temutissimo covid-19. Certamente il gruppo FCA è un degno portabandiera del made in Italy in tutto il mondo e lancia così un messaggio universale di speranza. Perché come ricorda la rassicurante voce del celebre attore nel mini video, noi italiani ci siamo sempre rialzati più forti di prima ogni qual volta ci siamo trovati in situazioni di difficoltà.

 

Nel video si possono ammirare alcuni scorci della penisola italiana, purtroppo deserti, ma mai come ora colmi di speranza e sogni. E non solo questo video. Ma anche aiuti concreti. Il gruppo FCA scende in campo per l’emergenza sanitaria. A partire da questa settimana sono state avviate tutte le attività necessarie per convertire uno dei stabilimenti alla produzione di mascherine facciali. L’obiettivo è di iniziare la produzione nelle prossime settimane e arrivare a produrre oltre un milione di mascherine al mese che saranno donate ai primi soccorritori e agli operatori sanitari. Infine i team di engineering e del manufacturing di FCA e Ferrari stanno collaborando con Siare Engineering, il più grande produttore di respiratori del Paese, per aiutarli a raddoppiare la loro produttività.

 

 

 

 

 
 
 

©Riproduzione Riservata

MMM consiglia

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  • 32
  • 33
  • 34
  • 35
  • 36
  • 37
  • 38
RSS
Follow by Email
Twitter