Il piccolo grande sogno

Questo post è stato scritto da Gaetano Piazzolla

Automobile Design Graphics Taschen

Testo Gaetano Piazzolla | Foto Gpiazzophotography
Mettevi comodi e state pronti per un viaggio retró nel mondo delle automobili. Fin dai primi anni dello loro apparizione, le quattro ruote, insieme con la donna, sono stati i “leitmotiv”del sogno maschile per eccellenza. Questo sogno, soprattutto negli Stati Uniti, è stato reso più allettante dall’uso di manifesti, cartelloni e cataloghi che seguendo le mode delle varie epoche, esaltavano il culto dei vari modelli.
Questi oggetti effimeri, che riflettevano il gusto, le abitudini e gli usi di acquisto degli americani sono raccolti all’interno di un libro,”Automobile Design Graphics,” che narra attraverso essi quasi 80 anni di storia dell’automobile, dai suoi albori alla crisi petrolifera dei primi anni ’70.
Sfogliando questa raccolta di più di 500 riproduzioni di rari cataloghi e manifesti, si nota come l’automobile, intesa come oggetto di culto, abbia cambiato, nel corso degli anni, il pubblico a cui era rivolta. All’inizio del secolo scorso le quattro ruote erano destinate agli abbienti e nobili signori, spesso raffigurati in tali manifesti pubblicitari, che utilizzavano i lussuosi modelli come biglietto da visita per l’alta società. Poi, gli anni del dopoguerra quando le automobili avevano raggiunto gran parte del ceto medio benestante, anche grazie alla letteratura e al cinema. Si pensi ai romanzi di Jack Kerouac nei quali le auto erano espressione di quel “moto perpetuo”, di un continuo andare da uno stato all’altro. Furono tali romanzi a consacrare l’automobile come la materia stessa di cui son fatti i sogni. Senza dimenticare l’accostamento all’aeronautica, quando appunto durante gli anni ’50 i modelli di automobili avevano forti riferimenti nel design a quelli aerei.
In questo libro si celebra così l’elevazione a veri e propri artisti di designer, ingegneri e produttori di automobili del XX secolo. E perché no anche il trionfo del marketing.

©Riproduzione Riservata

MMM consiglia

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  • 32
  • 33
  • 34
  • 35
  • 36
  • 37
  • 38
  • 39
  • 40
  • 41
  • 42
RSS
Follow by Email