Gigi Proietti, profondamente comico intensamente drammatico

Questo post è stato scritto da Gaetano Piazzolla

Gigi Proietti è morto il giorno del suo 80° compleanno. Scherzava sulla sua data di nascita.Il giorno è quello che è, il 2 novembre, diceva.

Gigi Proietti è morto il giorno del suo 80° compleanno in seguito a gravi complicazioni cardiache. Gli piaceva scherzare sulla sua data di nascita. “Il giorno è quello che è, il 2 novembre diceva”. 
Più di mezzo secolo trascorso su set e in scena in una carriera ricchissima oltre che lunghissima. Vero mattatore dal talento unico l’autoironia sempre accompagnata da quel cinismo romano addolcito costantemente nelle battute. Passa dalla musica, facendo il verso alla “Ne me quittes pas di Brel” che trasforma in “Nu me rompe er ca” , arrivando a Shakespeare. La sua voce incanta, commuove e ci trasporta. Come non ricordarlo mentre sussurra una poesia di Trilussa, un altro grande romano. 
Gigi Proietti, profondamente comico, intensamente drammatico inizia sin da adolescente con il ruolo di comparsa. Si fa notare ne L’ Urlo di Tinto Bras, del 1968 e in altri sceneggiati televisivi minori. Ma la sua grande occasione arriva nel 1970, quando viene chiamato a sostituire Domenico Modugno, in Alleluja Brava gente, affiancando Renato Rascel. Da allora interpreta numerosi successi teatrali quali Cyrano, Caro Petrolini, I sette re di Roma. Nel 1974 recita ne “La cena delle beffe”, il dramma di Sam Benelli, accanto a Carmelo Bene. Insieme con Roberto Lerici scrive e dirige i suoi spettacoli, come “A me gli occhi, please“, storico trionfo. 

Gigi Proietti è morto il giorno del suo 80° compleanno. Scherzava sulla sua data di nascita.Il giorno è quello che è, il 2 novembre, diceva.
Notevoli le sue interpretazioni in tv, tra queste l’intramontabile serie del “Maresciallo Rocca” con il quale fece appassionare un’Italia intera. La sua voce doppia star importanti, Richard Burton, Dustin Hoffman, Robert De Niro, Marlon Brando. Indimenticabile il grido “Adrianaaaa” nel doppiare Sylvester Stallone in Rocky I.
Lo ricordiamo come una persona comune, inamorato di Roma, della sua Roma che contraccambiava questo amore. 
Ciao Gigi, grazie.
Gigi Proietti è morto il giorno del suo 80° compleanno. Scherzava sulla sua data di nascita.Il giorno è quello che è, il 2 novembre, diceva.

©Riproduzione Riservata

MMM consiglia

RSS
Follow by Email