Bruce Springsteen “Western Stars”

Testo Gaetano Piazzolla

 

Bruce Springsteen

Bruce Springsteen, “the Boss”, torna con un nuovo progetto “Western Stars” , in cui interpreta i ruoli di cantante, attore e regista.  Un concerto, un documentario, un film. O meglio, una riflessione personale sulla vita, l’amore e l’età attraverso tredici canzoni. È proprio questa la bellezza di “Western Stars” in cui Bruce Springsteen appare in tutto il suo charme seducente sia guardandolo che ascoltandolo.
Bruce, infilato il suo cappello da “cowboy” esegue una canzone dopo l’altra, cantando così il film. In questo maniera un po’ sospesa tra il sogno e la realtà, racconta l’idilliaco e illusorio “Sogno Americano” rimettendolo in discussione.

 

Bruce Springsteen

Western Stars combina la parte narrativa del libro “Born To Run” con quella dello show di Brodway, ” Bruce Spreengsteen on Brodway”. Le canzoni e dunque il film, si sposano con il country pop californiano degli anni ’70 restituendogli tutto il suo potenziale. Il risultato finale è notevole oltre che contemporaneo e destinato all’eternità. Bruce Springsteen non è certamente un bravo attore, ma la sua presenza è sufficiente ad emozionare e riempire la scena. Il Boss che posa tra i cavalli, alla guida di un vecchio pick-up o che torreggia all’orizzonte con giubbotto di jeans e stivali da cow-boy. Perfetta incarnazione di un’ America memorabile.
Il film si conclude con una canzone che fa fede alla tradizione springsteeniana. La ripresa della leggendaria canzone country “Rhinestone Cowboy” con la chitarra acustica del Boss che punta verso il cielo.

®Riproduzione riservata

 

Bruce Springsteen

 

RSS
Follow by Email
Facebook
Facebook
Twitter