Nuno Borges, il 25enne portoghese, trionfa all’Open di Barletta, torneo internazionale, giunto alla sua 22ª edizione.

Nuno Borges con il trofeo

Nuno Borges con il trofeo

 

Per Borges si tratta della prima vittoria nel circuito ATP Challenger, e giunge a coronamento di un torneo giocato senza sfocature. Nella finale disputata sulla terra rossa dei campi del circolo Simmens, dominati dal portoghese “Davis Man”, la domenica di Pasqua, Borges supera, in due set, la rivelazione dell’Open della Disfida, il serbo Miljan Zekic

Borges numero 2 del torneo Open città della Disfida

Nuno Borges ha un approccio ottimale alla finale. Infatti in poco più di un’ora e mezza, batte, con il punteggio di 6-3 7-5, la sorpresa di questo ATP Challenger, il serbo Miljan Zekic. Quest’ultimo non rende certo facile la vita di Borges, anzi risponde sul 5-4 arrivando anche a uno 0-30 a due palle dal set. Molto probabilmente, Zekic avrebbe anche potuto scrivere la storia a proprio favore, se non fosse che il n. 2 portoghese non è certo il tipo da lasciarsi cogliere impreparato. Così nel gioco successivo gli strappa il servizio e chiude velocemente il match, inginocchiandosi poi commosso dinanzi al pubblico. Così se prima per lui Barletta era un posto speciale, adesso è diventato un “very special place“, ed è lui stesso ad affermarlo più volte nell’intervista dopo partita. Una settimana quella appena conclusa, davvero incredibile per Borges, non priva di difficoltà, alle quali ha saputo far fronte con grande concentrazione. La stessa che gli ha permesso di concludere vittoriosamente il torneo. Quando gli chiediamo qual è il suo obiettivo per questa stagione, naturalmente risponde che è quello di giocare il miglior tennis per entrare nel top ranking dei 100. E noi di MMM, caro Nuno, te lo auguriamo di tutto cuore. 

 

Nuno Borges durante un match del trofeo ATP Challenger

Nuno Borges durante un match del trofeo Open Città della Disfida ATP Challenger

Gli italiani all’Open Città della Disfida ATP Challenger

Per quanto riguarda gli italiani presenti all’Open città della Disfida, il pesarese Luca Nardi è quello che ha brillato più di tutti e infatti chiude in semifinale il suo più che ottimo torneo. Non mancano i rimpianti per la sconfitta nel match con Zekic, che tra l’altro ha lodevolmente dominato. La delusione però è presto dimenticata se si considera la nuova posizione n. 209 raggiunta nel ranking e per la consapevolezza dell’eccellente competitività a livello di Challenger.

Luca Nardi in azione durante Open città di Barletta ATP Challenger

Luca Nardi in azione durante Open città di Barletta ATP Challenger

 

In questa pazza settimana di tennis, ricordiamo, con vero piacere, che si è svolto anche il Rolex Monte Carlo Masters, vinto, dal greco Stefanos Tsitsipas. Il greco, viene incoronato vincitore per la seconda volta e condivide questa felicità con i 10.000 spettatori e soprattutto con la sua famiglia. Grande l’ovazione ad accoglierlo sul palco di Corte Ranieri III, dove Stefanos ha sfoggiato un radioso sorriso. E come non essere felici per la vittoria del suo 8° titolo ATP in due set (6-3, 7-6), battendo Alejandro Davidovich Fokina.

 

gdpr-image
This website uses cookies to improve your experience. By using this website you agree to our Data Protection Policy.
Read more