Ibrigu l’arte e il gusto del riusare

Ibrigu è un’azienda a conduzione familiare, creata dalla passione per il “sartoriale di Franco Briguglio. A tale passione si è aggiunta la visione moderna e giovane dei figli Luca e Michela e la preziosa collaborazione della moglie Daria Stuefer. Il progetto che prende vita è altrettanto nobile ed indipendente, riutilizzare il vintage e nello stesso tempo valorizzarne l’artigianalità. Ecco come potrebbe essere riassunto Ibrigu.

 

Ibrigu è una piccola azienda a conduzione familiare, creata dalla passione per il "sartoriale di Franco Briguglio.

Franco Briguglio Ibrigu

 

Ibrigu e la filosofia del riuso

Il concetto del riusare, filosofia ed anima del brand, ha radici che si ispirano ad un’antica arte giapponese, detta “Kintsukuroi”. Quest’arte concepisce le fratture, le imperfezioni e le fragilità come elementi che esaltano la particolarità di un oggetto rendendolo unico. Proprio per tale ragione, i giapponesi, quando un vaso si rompe non tendono a disfarsene. Anzi i cocci vengono recuperati e ricomposti. Le fessure e le crepe vengono riempite con pasta di oro o di argento. Il procedimento evidenzia così le caratteristiche e dunque l’importanza stessa di ogni fessura, impreziosendo l’oggetto. Filosofia a cui Ibrigu si ispira e che ormai possiamo dire sia il segno distintivo del brand. Il recupero di kimono, foulard vintage e di altri tessuti pregiati provenienti dall’Anatolia e dalla via della seta passa da qui. Intensificare il loro valore dandogli una nuova vita. Dunque illustre idea, che si distingue e si allontana da quelli che sono i canali consumistici della moda. 

 

Ibrigu è una piccola azienda a conduzione familiare, creata dalla passione per il "sartoriale di Franco Briguglio.

Modella indossa capi Ibrigu

 

Ibrigu è una piccola azienda a conduzione familiare, creata dalla passione per il "sartoriale di Franco Briguglio.

Modella indossa capi Ibrigu

 

La collezione A/I 2022-23 di Ibrigu 

Frutto di un profondo lavoro di ricerca e riflessione, sul kimono, icona del marchio, la collezione A/I 22-23, è un inno alla donna, alla sua femminilità indipendente e sicura. Ciò avviene destrutturando il kimono ed esaltandone la sua minuziosa bellezza. Sovratintura e tessuti pregiati il fil-noir che lega i kimono alla collezione creando un’elegante continuità cromatica. Cosa ancora c’è da sapere su questa collezione? Le pellicce per esempio sono rigorosamente vintage e scovate in giro per l’Europa. Simbolo esplicito del riuso consapevole di quelli che sono preziosi materiali. Pregiate stampe dipinte a mano rendono irreplicabile e dunque unico ogni singolo capo.
Il carattere di Ibrigu si esplicita attraverso il suo legame con l’arte. La provocazione anticonformista ha il preciso scopo di valorizzare il “fatto a mano” e “fatto in Italia”. Sinonimi entrambi di cura, attenzione e qualità, dunque una precisa identificazione del sé.

 

Ibrigu è una piccola azienda a conduzione familiare, creata dalla passione per il "sartoriale di Franco Briguglio.

Modella indossa capi Ibrigu

 

Ibrigu è una piccola azienda a conduzione familiare, creata dalla passione per il "sartoriale di Franco Briguglio.

Modella indossa capi Ibrigu